Correzione: è in corso una riparazione del sistema che richiede il riavvio per il completamento

Consigli: Clicca Qui Per Correggere Gli Errori Di Windows E Ottimizzare Le Prestazioni Del Sistema

Una riparazione del sistema in sospeso è una notifica che significa che non è possibile eseguire azioni a livello di sistema fino a quando non viene elaborata la riparazione del sistema in coda. Questo di solito viene risolto dopo un riavvio.

Questo errore appare sul PC Windows dopo l'avvio di una scansione SFC. SFC sta per System File Checker ed è uno strumento utilizzato per trovare e correggere errori relativi ai file di sistema. Tuttavia, il problema si verifica quando viene visualizzato questo messaggio di errore dopo aver tentato di eseguire la scansione.

Il sistema verifica la presenza di file di riparazione del sistema in sospeso quando viene avviato l'SFC e questi file sono rimasti lì dalle precedenti riparazioni del sistema. Se hai effettivamente avviato un processo di riparazione del sistema, riavvia il computer e controlla se il problema è stato risolto. Altrimenti, seguire il metodo seguente.

Soluzione 1: eliminare i seguenti file nel prompt dei comandi

Questi file tengono traccia dei processi di riparazione del sistema in sospeso in esecuzione sul computer e il file potrebbe essere corrotto. L'eliminazione ripristinerà i processi in sospeso e il sistema non verrà ingannato dal fatto che sia in corso un processo di riparazione del sistema. Seguire i passaggi seguenti per eliminare questi file ed eseguire correttamente SFC.

  1. Se sei un utente di Windows 10, puoi facilmente individuare il prompt dei comandi semplicemente facendo clic sul pulsante del menu Start o sul pulsante Cerca accanto ad esso e digitare "cmd" o "Prompt dei comandi". Fai clic con il pulsante destro del mouse sul primo risultato e scegli l'opzione Esegui come amministratore.

  1. Se stai eseguendo una versione di Windows precedente a Windows 10, la ricerca nel menu Start potrebbe non funzionare correttamente ma puoi comunque passare a C >> Windows >> System32, fare clic con il tasto destro del mouse sulla voce “cmd.exe” e scegliere Esegui come amministratore.
  2. Digitare o copiare i due comandi seguenti per eliminare questi file. Assicurati di provare questo variando sia la lettera 'd' che 'c' nella lettera dell'unità nel primo comando.

del d: \ windows \ winsxs \ pending.xml

del x: \ windows \ winsxs \ pending.xml

  1. Dopo aver visualizzato il messaggio "Operazione completata correttamente" nel prompt dei comandi, assicurarsi di completare la scansione SFC utilizzando questa versione in qualche modo modificata con le istruzioni.

sfc / SCANNOW / OFFBOOTDIR = c: \ / OFFWINDIR = d: \ Windows

  1. Verifica se SFC ora viene completato correttamente.

Nota : in alcuni casi, il prompt dei comandi genererà un errore dopo aver tentato di eliminare i file in sospeso. Ciò significa che dovrai procedere con la proprietà della cartella WinSxS per procedere. Non dovrebbe essere troppo difficile!

  1. Passare alla posizione C >> Windows e individuare la cartella WinSxS.
  2. Se non riesci a vedere la cartella Windows, potresti dover attivare l'opzione che ti consente di visualizzare file e cartelle nascosti. Fai clic sulla scheda "Visualizza" nel menu Esplora file e fai clic sulla casella di controllo "Elementi nascosti" nella sezione Mostra / nascondi. Esplora file mostrerà i file nascosti e ricorderà questa opzione fino a quando non la cambi nuovamente.

  1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla cartella, fare clic su Proprietà, quindi sulla scheda Protezione. Fai clic sul pulsante Avanzate. Verrà visualizzata la finestra "Impostazioni di sicurezza avanzate". Qui è necessario modificare il proprietario della chiave.
  2. Fai clic sul collegamento Modifica accanto all'etichetta "Proprietario:" Verrà visualizzata la finestra Seleziona utente o gruppo.

  1. Seleziona l'account utente tramite il pulsante Avanzate o digita semplicemente il tuo account utente nell'area che dice 'Inserisci il nome dell'oggetto da selezionare' e fai clic su OK. Aggiungi il tuo account utente.
  2. Facoltativamente, per modificare il proprietario di tutte le sottocartelle e i file all'interno della cartella, selezionare la casella di controllo "Sostituisci proprietario su subcontenitori e oggetti" nella finestra "Impostazioni di sicurezza avanzate". Fare clic su OK per modificare la proprietà. Prova a eliminarlo in seguito.

Soluzione 2: modificare le impostazioni del BIOS

Un certo gruppo di utenti afferma di essere stato in grado di risolvere questo problema semplicemente modificando le impostazioni del funzionamento SATA da AHCI o qualcos'altro alla modalità IDE. Sembra che la causa dei problemi sia stata alcuni problemi dopo che il team di Microsoft ha modificato alcune cose nelle classi di driver di gestione del bus del driver. Prova questo metodo qui sotto!

  1. Spegni il computer andando al menu Start >> Pulsante di accensione >> Spegni.
  2. Riaccendi il PC e prova ad accedere alle impostazioni del BIOS premendo il tasto BIOS all'avvio del sistema. La chiave BIOS è in genere visualizzata nella schermata di avvio, dicendo "Premere ___ per accedere al programma di installazione". Esistono anche altri modi per visualizzare. I tasti BIOS comuni sono F1, F2, Canc, Esc e F10, quindi assicurati di fare clic abbastanza velocemente.

  1. L'opzione SATA che è necessario modificare si trova in varie schede degli strumenti del firmware del BIOS realizzati da produttori diversi e non si tratta di una regola generale sulla posizione in cui si dovrebbe trovare l'impostazione. Di solito si trova sotto la voce Dispositivi integrati, Periferiche integrate o anche semplicemente nella scheda Avanzate. Indipendentemente da dove si trova, il nome dell'opzione è operazione SATA.

  1. Una volta individuate le impostazioni corrette, modificarlo da AHCI, RAID, ATA, a IDE è l'opzione più ragionevole per il processo di riparazione del sistema e puoi facilmente ripristinare le modifiche nello stesso punto.
  2. Passare alla sezione Exit e scegliere Exit Exit Saving Changes. Questo procederà con l'avvio. Assicurati di provare a eseguire nuovamente l'aggiornamento.

    Nota : se l'impostazione era IDE all'inizio, prova a cambiarla in qualcos'altro, indipendentemente dal fatto che ci siano casi in cui qualsiasi modifica ha prodotto grandi risultati!

Soluzione 3: aggiorna i driver (in particolare la scheda grafica)

Se l'errore SFC è seguito da BSOD (Blue Screens of Death), è sicuramente un segno che uno dei tuoi vecchi driver sta causando questi problemi e dovresti aggiornarlo il prima possibile. La tua scommessa migliore è aggiornare tutti i driver poiché è sempre importante avere quelli più recenti in quanto eviterà che si verifichino problemi futuri.

  1. Seleziona il pulsante Start, digita Gestione dispositivi e selezionalo dall'elenco dei risultati. Se si utilizza una versione precedente di Windows, utilizzare la combinazione di tasti Tasto Windows + R, digitare "devmgmt.msc" e fare clic su OK.

  1. Espandi una delle categorie per trovare il nome del tuo dispositivo, quindi fai clic con il pulsante destro del mouse (o toccalo e tieni premuto) e seleziona Aggiorna driver. Per le schede grafiche, espandi la categoria Schede video, fai clic con il pulsante destro del mouse sulla scheda grafica e seleziona Aggiorna driver.

  1. Selezionare Cerca automaticamente il software driver aggiornato.
  2. Se Windows non trova un nuovo driver, puoi provare a cercarne uno sul sito Web del produttore del dispositivo e seguire le loro istruzioni.

Nota : se si utilizza Windows 10, i driver più recenti vengono spesso installati insieme ad altri aggiornamenti di Windows, quindi assicurarsi di mantenere aggiornato il computer. Windows Update viene eseguito automaticamente su Windows 10 ma è possibile verificare seguendo le istruzioni seguenti per un nuovo aggiornamento.

  1. Utilizzare la combinazione di tasti Tasto Windows + I per aprire Impostazioni sul PC Windows. In alternativa, puoi cercare "Impostazioni" utilizzando la barra di ricerca situata nella barra delle applicazioni.
  2. Individua e apri la sezione "Aggiornamento e sicurezza" nell'app Impostazioni.
  3. Rimani nella scheda Windows Update e fai clic sul pulsante Controlla aggiornamenti sotto lo stato Aggiorna per verificare se è disponibile una nuova versione di Windows.

  1. Se ce n'è uno, Windows dovrebbe procedere automaticamente con il processo di download.

Soluzione 4: risolvete il problema nell'ambiente di recupero

Questo passaggio è uno dei più avanzati e comporta una seria risoluzione dei problemi. Tuttavia, i comandi che utilizzeremo possono essere avviati solo dall'ambiente di recupero e questo ambiente è facilmente accessibile su Windows 10. Questi comandi sono innocui e possono risolvere il problema, quindi assicurati di seguire attentamente i passaggi seguenti.

  1. Nella schermata di accesso, fai clic sull'icona di accensione e tieni premuto il tasto Maiusc mentre fai clic su Riavvia. Questa è una scorciatoia per accedere al menu di ripristino senza dover inserire il DVD di ripristino.
  2. Invece o al riavvio, verrà visualizzata una schermata blu con diverse opzioni. Scegli Risoluzione dei problemi >> Opzioni avanzate >> Prompt dei comandi e apri lo strumento al tuo computer.

  1. Digita i seguenti comandi uno per uno e attendi che finiscano il loro processo. Uno di questi dovrebbe risolvere il tuo problema, ma assicurati di mantenere l'ordine esattamente lo stesso.

bcdboot C: \ Windows

bootrec / FixMBR

bootrec / FixBoot

  1. Avvia normalmente il computer e verifica se il problema è stato risolto con SFC.

Soluzione 5: una modifica del registro

Ecco una chiave di registro che tiene traccia dei programmi nella coda che richiedono il riavvio e la sua eliminazione comporta la perdita di questa coda e impedirà a Windows di pensare che esista un processo che richiede il riavvio quando tale processo non esiste.

  1. Poiché hai intenzione di modificare il registro, ti consigliamo di consultare questo articolo che abbiamo preparato per eseguire il backup sicuro del registro per evitare ulteriori problemi. Tuttavia, non si verificherà nulla di sbagliato se si seguono attentamente le istruzioni.
  2. Apri l'interfaccia dell'Editor del Registro di sistema digitando "regedit" nella barra di ricerca o nella finestra di dialogo Esegui. Passare alla seguente chiave nell'editor del registro navigando nel riquadro di sinistra:

HKEY_LOCAL_MACHINE \ SOFTWARE \ Microsoft \ Windows \ CurrentVersion

  1. Sotto la chiave CurrentVersion, dovresti essere in grado di vedere una chiave denominata RebootPending, quindi assicurati di fare clic con il tasto destro su di essa e fare clic su Autorizzazioni.
  2. Nella sezione Nomi di gruppo o utente, prova a individuare il tuo nome utente nell'elenco. In caso contrario, fare clic su Aggiungi >> Avanzate >> Trova ora. Dovresti essere in grado di vedere il tuo account utente nella sezione Risultati della ricerca, quindi selezionalo e fai clic due volte su OK fino a quando non torni nella cartella Autorizzazioni.

  1. Seleziona il tuo account nella sezione Gruppo o nomi utente e seleziona la casella di controllo Controllo completo in Autorizzazioni per ... e applica le modifiche apportate.
  2. Successivamente, è possibile fare clic con il pulsante destro del mouse sulla chiave di riavvio in sospeso e fare clic su Elimina. Conferma la finestra di dialogo che verrà visualizzata e riavvia il computer per applicare le modifiche. Verifica se il problema persiste.

Articoli Interessanti