Come recuperare un Google Pixel 3 XL con mattoncini morbidi

Consigli: Clicca Qui Per Correggere Gli Errori Di Windows E Ottimizzare Le Prestazioni Del Sistema

Se il tuo Google Pixel 3 XL è diventato in qualche modo soft-brick e il tuo bootloader è già stato sbloccato, abbiamo la guida perfetta per riportarlo in vita.

Assicurati di conoscere la differenza tra un mattone morbido e duro . Un soft brick è un software danneggiato - in genere una procedura di root è andata male ( sicuramente non seguendo il nostro Pixel 3 XL sblocco e la guida di root) o altri malfunzionamenti del software. Il dispositivo in genere rifiuta l'avvio in Android, ma è comunque possibile accedere alla modalità di ripristino.

Un mattone duro è quando il dispositivo si rifiuta di accendersi affatto, a causa di un problema hardware. Detto questo, se il tuo Pixel 3 XL sta vivendo un mattone morbido, segui la nostra guida per riportarlo in vita. Tieni presente che questa guida richiede che il tuo bootloader sia già stato sbloccato! Se il tuo bootloader non è stato precedentemente sbloccato e non hai una modalità di ripristino funzionante, questa guida non ti sarà di aiuto!

Requisiti

  • Driver USB di Google più recente
  • ADB e Fastboot più recenti ( consultare la Guida agli app Come installare ADB su Windows)
  • Ultima immagine di fabbrica di Pixel 3 XL
  1. Inizia scaricando e installando il driver USB di Google. Estrarre il file .zip e, nella cartella estratta, fare clic con il tasto destro del mouse su "Interfaccia Bootloader Android" e selezionare "Aggiorna driver".
  2. Scegli "Cerca computer locale" e "Fammi scegliere da un elenco di driver disponibili sul mio computer". Quindi deseleziona la casella "Mostra hardware compatibile" e scegli "Interfaccia Android ADB" seguita da "Disco driver".
  3. Scegli il file .inf che si trova in \ latest_usb_driver_windows \ usb_driver nella cartella estratta.
  4. Ora scegli il file "android_winusb.inf" e fai clic su Apri> OK> Avanti> Installa.
  5. Questo aggiornerà completamente l'interfaccia di Bootloader Android. Se hai già ADB e Fastboot sul tuo PC, aggiornerà anche quello. Questo è necessario perché le versioni ADB precedenti non funzionano bene con Android 9 Pie.
  6. Ora scarica l'ultima versione di ADB e Fastboot ed estrai il .zip sul tuo C: \ ( importante) . Consenti che venga sovrascritto se hai già un C: \ platform-tools. Ricorda, stiamo aggiornando completamente tutto ciò che è importante per l'ultimo Android Pie.
  7. Ora scarica l'ultima immagine di fabbrica di Google Pixel 3 XL. Estrai sul tuo PC.
  8. Passa alla seconda sottocartella: dovrebbe essere denominata come "crosshatch-pq1a.181205.006", a seconda della versione. Ad ogni modo, le sue due sottocartelle sono profonde.
  9. Ora copia tutto il contenuto dalla cartella C: \ platform-tools nella cartella crosshatch.
  10. Spegni Google Pixel 3 XL, lascialo riposare per mezzo minuto.
  11. Premi e tieni premuto Power + Volume su per accedere al bootloader e rilasciare immediatamente i pulsanti hardware.
  12. Collega Pixel 3 XL al PC tramite USB e il tuo PC dovrebbe riconoscere e caricare immediatamente i driver.
  13. Tieni premuto MAIUSC + clic con il tasto destro all'interno della cartella con il tratteggio incrociato con tutti i file ADB e scegli "Apri una finestra di comando qui".
  14. Digitare i seguenti comandi nel terminale ADB:

    fastboot cancella system_a

    fastboot cancella system_b

    fastboot cancella boot_a

    fastboot cancella boot_b

    fastboot reboot-bootloader

  15. Ora avvia il file flash-all.bat . Potresti ricevere un avviso a comparsa, fai clic su "Esegui comunque".
  16. Ora attendi circa 10 minuti affinché lo script esegua completamente il suo lavoro. Saprai che è fatto quando Pixel 3 XL si riavvia da solo.

Articoli Interessanti