Correzione: nuovo disco rigido non visualizzato in Gestione disco

Consigli: Clicca Qui Per Correggere Gli Errori Di Windows E Ottimizzare Le Prestazioni Del Sistema

Diversi utenti segnalano che un nuovo HDD interno acquistato per fungere da secondo disco rigido non viene visualizzato in Gestione disco. La maggior parte degli utenti interessati riferisce che anche se il nuovo hardware viene visualizzato nelle impostazioni del BIOS, non viene visualizzato in Gestione disco. Il problema non è specifico per una determinata versione di Windows in quanto è stato riscontrato in Windows 7, Windows 8.1 e Windows 10.

Il nuovo HDD non viene visualizzato in Gestione disco

Cosa sta causando la mancata visualizzazione del disco rigido in un errore di gestione del disco?

Abbiamo esaminato questo particolare problema esaminando i vari rapporti degli utenti e i passaggi che hanno seguito per risolvere il problema. Da quello che siamo riusciti a raccogliere, ci sono diversi scenari abbastanza comuni che porteranno all'apparizione di questo problema:

  • Cavo SATA difettoso : se l'HDD viene visualizzato nelle impostazioni del BIOS ma non viene visualizzato in Gestione dispositivi, di solito è un indizio che il cavo o la porta SATA è difettoso.
  • Windows non è in grado di trovare i dispositivi ATA - Esistono diversi rapporti di utenti che sono riusciti a risolvere il problema dopo aver eliminato tutti i canali ATA dal controller IDE ATA / ATAPI. Ciò costringerà il tuo sistema operativo a trovare di nuovo tutti i dispositivi ATA.
  • L'HDD è incluso in uno spazio di archiviazione : diversi utenti sono riusciti a risolvere il problema dopo aver eliminato lo spazio di archiviazione virtuale di Windows che utilizzava l'HDD.
  • Il driver SATA (RAID) non è installato o danneggiato - Un certo numero di utenti ha segnalato che il problema è stato risolto dopo il download e l'installazione del driver SATA (RAID) dal sito Web del produttore della scheda madre.
  • Il nuovo HDD viene percepito come un disco esterno : diversi utenti che hanno riscontrato questo problema per gli stessi motivi sono riusciti a risolvere il problema importando il disco esterno all'interno dell'utilità Gestione disco.

Se hai difficoltà a risolvere questo particolare problema, questo articolo ti fornirà un elenco di passaggi verificati per la risoluzione dei problemi. Di seguito è disponibile una raccolta di metodi utilizzati da altri utenti in una situazione simile per risolvere il problema.

Per i migliori risultati, segui i metodi presentati di seguito in ordine fino a quando non trovi una soluzione efficace per risolvere il problema.

Metodo 1: verifica se l'HDD viene visualizzato nel BIOS

Molti utenti sono riusciti a risolvere il problema dopo aver scoperto che stavano effettivamente affrontando un problema hardware. Se il cavo SATA che collega il tuo nuovo HDD alla scheda madre è parzialmente rotto, potrebbe non soddisfare i tuoi requisiti di sistema operativo, quindi Windows non lo mostrerà all'interno di Utility Gestione disco.

Lo stesso vale per una porta SATA parzialmente rotta. Un rapido test per vedere se questo scenario potrebbe valere nel tuo caso è quello di accedere alle impostazioni del BIOS e vedere se il nuovo HDD viene visualizzato all'interno delle impostazioni del BIOS.

È possibile accedere alle impostazioni del BIOS premendo ripetutamente il tasto Setup durante l'avvio della procedura di avvio. La maggior parte delle schede madri mostrerà il tasto Setup durante l'avvio iniziale (da qualche parte nella parte inferiore dello schermo). Ma se non lo vedi, prova a premere uno dei tasti F (F2, F4, F8, F10, F12) o il tasto Canc (per computer Dell).

Premere il tasto BIOS durante la procedura di avvio

Nota: è anche possibile cercare online la chiave BIOS specifica.

Una volta entrati nelle impostazioni del BIOS, vai alla scheda Boot (o Boot Device Priority) e vedi se il tuo nuovo HDD appare lì.

Se il nuovo HDD viene visualizzato qui ma non riesci a vederlo all'interno di Gestione disco, spegni il computer e sostituisci il cavo SATA che collega il tuo HDD alla scheda madre con uno diverso. Inoltre, considera di collegare l'altro cavo SATA a una porta SATA diversa .

Dopo aver modificato il cavo e la porta SATA, riaccendere il computer e vedere se l'HDD è ora visualizzato in Gestione disco.

Se il problema persiste, passa al metodo successivo di seguito.

Metodo 2: eliminazione di tutti i driver di canale ATA con Gestione dispositivi

Un paio di utenti che hanno riscontrato questo particolare problema sono riusciti a risolverlo completamente dopo aver utilizzato Gestione dispositivi per eliminare tutti i canali ATA dal menu dei controller IDE ATA / ATAPI. Ciò presumibilmente costringe Windows a cercare nuovamente tutti i dispositivi ATA collegati e riconfigurarli da zero al successivo avvio del sistema.

Ecco una breve guida su come eseguire questa operazione:

  1. Premi il tasto Windows + R per aprire una finestra di dialogo Esegui . Quindi, digitare " devmgmt.msc " e premere Invio per aprire Gestione dispositivi .

    Esegui finestra di dialogo: devmgmt.msc
  2. All'interno di Gestione dispositivi, espandi il menu a discesa dei controller IDE ATA / ATAPI .

    Espandere i controller IDE ATA / ATAPI
  3. Fare clic con il tasto destro sul primo canale ATA e selezionare Disinstalla dispositivo .

    Fare clic con il tasto destro su un canale ATA e selezionare Disinstalla dispositivo
  4. Una volta disinstallato il primo canale ATA, ripetere la procedura sopra descritta con tutti i canali ATA che si hanno sotto i controller IDE ATA / ATAPI .

    Disinstallare tutti i canali ATA presenti nei controller IDE ATA / ATAPI
  5. Una volta disinstallato ogni canale ATA, riavviare il computer per consentire a Windows di trovare tutti i dispositivi ATA e installare nuovamente i driver al successivo avvio.
  6. Quando il computer si riavvia, apri Gestione dispositivi e vedi se l'HDD è ora visibile.

Se riscontri ancora lo stesso problema, passa al metodo successivo di seguito.

Metodo 3: eliminazione dello spazio di archiviazione che utilizza l'HDD

Come da vari rapporti degli utenti, questo particolare problema può verificarsi anche se si è utilizzato l'HDD per creare uno spazio di archiviazione comune. Alcuni utenti interessati sono riusciti a risolvere il problema dopo aver eliminato qualsiasi spazio di archiviazione che utilizzava l'HDD dall'utilità Spazi di archiviazione.

Gli spazi di archiviazione sono unità virtuali che verranno visualizzate all'interno di Esplora file come normali unità locali. Questa funzione funziona con unità ATA, SATA, SAS e USB ed è stata introdotta con Windows 7. In sostanza, consente di raggruppare diversi tipi di unità (SSD e HDD tradizionali in un unico pool di archiviazione).

Se in precedenza è stato creato uno spazio di archiviazione che include l'HDD che non viene visualizzato all'interno di Gestione disco, molto probabilmente sarà possibile risolvere il problema eliminando l'HDD dal pool di archiviazione.

Ecco una breve guida su come eseguire questa operazione:

  1. Premi il tasto Windows + R per aprire una finestra di dialogo Esegui. Quindi, digitare " control " e premere Invio per aprire il Pannello di controllo.

    Esegui finestra di dialogo: controllo
  2. All'interno del Pannello di controllo, fai clic su Sistema e sicurezza, quindi fai clic su Spazi di archiviazione .

    Vai su Sistema e sicurezza, quindi fai clic su Spazi di archiviazione
  3. Quindi, espandi le opzioni del tuo pool di archiviazione e fai clic sul pulsante Elimina associato allo spazio di archiviazione che include il tuo HDD.

    Eliminazione dello spazio di archiviazione incluso l'HDD
  4. Fai clic su al prompt di conferma, quindi riavvia il computer.
  5. Al prossimo avvio, aprire di nuovo Gestione disco e vedere se l'HDD è ora visibile.

Se il tuo HDD non è ancora visibile, passa al metodo successivo di seguito.

Metodo 4: installazione del driver SATA (RAID) dal sito Web del produttore della scheda madre

Sebbene non sia possibile mostrare passaggi specifici, più di alcuni utenti sono riusciti a risolvere questo particolare problema dopo aver scaricato il driver SATA (RAID) dal sito Web del produttore della scheda madre.

Per scaricare il driver SATA (RAID) in base al produttore della scheda madre, eseguire una ricerca online con " produttore e modello della scheda madre + driver SATA (RAID) " e scaricare la versione più recente dal centro download ufficiale.

Download del driver SATA (RAID) per una scheda madre ASRock

Una volta scaricato il driver, fare doppio clic sul file eseguibile di installazione e seguire le istruzioni visualizzate per installarlo sul sistema. Una volta completata l'installazione, riavvia il computer e verifica se l'HDD diventa visibile al successivo avvio.

Metodo 5: importazione del disco esterno da Gestione disco

Il disco potrebbe non apparire come una partizione visualizzabile in Risorse del computer o Gestione disco perché è visto come un disco dinamico esterno dal sistema. Alcuni utenti che riscontrano lo stesso problema sono stati in grado di correggere facilmente importando il disco esterno. Ecco una breve guida su come eseguire questa operazione:

  1. Premi il tasto Windows + R per aprire una finestra di dialogo Esegui. Quindi, digitare " diskmgmt.msc " e premere Invio per aprire Gestione disco .

    Esegui finestra di dialogo: diskmgmt.msc
  2. All'interno dell'utilità Gestione disco, verifica se hai un altro disco sotto il disco del sistema operativo. Se ne hai uno e ha un'icona di tipo esclamativo, fai clic destro su di essa e fai clic su Importa dischi stranieri .

    Importazione dell'utilità Disco esterno
  3. Dopo un po ', la tua nuova unità HDD dovrebbe diventare visibile come volume sia in Gestione disco che in Esplora file.

Articoli Interessanti