Come configurare le impostazioni avanzate di Windows 7/8/10 per la riproduzione audio senza perdita di dati

Consigli: Clicca Qui Per Correggere Gli Errori Di Windows E Ottimizzare Le Prestazioni Del Sistema

Non c'è niente di più fastidioso di problemi audio e balbuzie durante la registrazione o la riproduzione di formati audio di alta qualità. Molte persone stanno iniziando ad apprezzare i formati audio ad alta risoluzione e senza perdita ora che i servizi di streaming digitale e download di musica offrono loro, ma poche persone hanno effettivamente ottimizzato il proprio computer per la registrazione o la riproduzione di questi formati audio ad alta risoluzione.

Se sei un musicista che prova a registrare tracce nella tua DAW preferita e senti tonnellate di glitch, balbuzie e abbandono audio, o sei un "audiofilo" che riceve troppi scricchiolii e distorsioni mentre suoni i tuoi 24 / 192kHz preferiti file musicali di qualità senza perdita di dati, Appuals ha la guida giusta per te!

Comprensione del buffer e della latenza nell'audio

Definiamo alcuni termini:

  • Buffering: il processo di raggruppamento dei campioni in batch per l'elaborazione.
  • Dimensione buffer: il numero di campioni in un batch.
  • Ciclo audio: l'elaborazione di un buffer audio.
  • Latenza: la durata del buffer.

Le nostre orecchie generalmente decidono quanta latenza ci è tollerabile. È praticamente stabilito che la maggior parte degli umani non è in grado di discernere gli intervalli audio meno di circa 10 millisecondi - in sostanza, due suoni riprodotti a 10 ms di distanza suonano come se fossero istantaneamente insieme. Quindi, la latenza può essere calcolata dividendo la dimensione del buffer per la frequenza di campionamento e usando una semplice algebra possiamo calcolare la dimensione del buffer richiesta:

  • Latenza = BufferSize / SampleRate
  • BufferSize = Latency * SampleRate
  • BufferSize = 0, 01 * 44100 = 441

A una frequenza di campionamento di 44, 1 KHz, 10 ms è 441 campioni. Poiché alcune schede audio supportano solo dimensioni di buffer con potenze di 2 ( come la RAM), spesso vengono arrotondate fino a 512 campioni (circa 12 ms) o fino a 256 campioni (6 ms), a seconda delle capacità del computer.

Affinché il tuo computer produca un flusso audio privo di problemi, il computer deve fornire un nuovo buffer di campioni alla scheda audio all'incirca ogni 10 millisecondi. Se non è in grado di tenere il passo con quella frequenza di buffer, allora non c'è nulla che riempia gli spazi vuoti tra l'audio e si avranno problemi.

Il tipo di anomalia che senti dipenderà da un paio di cose.

  • I ritardi brevi in ​​genere sembrano un "segno di spunta".
  • Ritardi più lunghi non producono alcun suono - "drop out", o talvolta i campioni bufferizzati del ciclo precedente vengono riprodotti causando "balbuzie".

La chiave per l'ottimizzazione delle prestazioni di un PC per l'elaborazione audio in tempo reale è l'eliminazione di tutto ciò che potrebbe causare l'interruzione di altri compiti per un periodo superiore alla durata del buffer.

Pertanto, per ridurre o eliminare completamente i problemi audio durante il monitoraggio live del segnale di input o la riproduzione del segnale di output, è possibile eseguire diverse operazioni che ruotano attorno alle impostazioni di Windows.

Gestione energetica:

Proprio come l'ottimizzazione del computer per i giochi intensivi, la prima cosa che vogliamo fare è assicurarci che il tuo computer sia impostato su un piano di alimentazione ad alte prestazioni, con alcune cose disabilitate.

  • Piano di alimentazione: alte prestazioni
  • Disattiva disco rigido: mai
  • Stato minimo e massimo del processore: 100%
  • Sospensione USB: mai
  • Gestione dello stato dei collegamenti PCI Express: Off

Gestore dispositivi:

  1. Apri Gestione dispositivi, facendo clic sul pulsante Start di Windows, digitando "Gestione dispositivi" e premendo Invio.
  2. Scorri fino alla fine dell'elenco ed espandi la voce "Controller Universal Serial Bus".
  3. Vai nell'elenco e fai clic con il tasto destro su tutti i dispositivi, comprese le parole "Hub USB" o "Hub principale USB".
  4. Scegli "Proprietà" dal menu a comparsa.
  5. Passare alla scheda "Risparmio energia"
  6. Deseleziona l'opzione "Consenti al computer di spegnere questo dispositivo per risparmiare energia"
  7. Ripetere dal passaggio 3 per tutti i dispositivi hub.

Compressione e indicizzazione del disco rigido

  1. Avvia Esplora risorse (tasto Windows + E) 2. Seleziona "Computer" (o "Questo PC" su Windows 10) nel riquadro di sinistra:
  2. Fare clic destro su ciascun disco rigido e selezionare "Proprietà"
  3. Disattiva le due opzioni nella parte inferiore della finestra:

Pianificazione del processore

Il multi-tasking di Windows ruota attorno a un processo chiamato time slicing. Ciò consente a ciascun programma di eseguire una piccola quantità di tempo. Scorrendo continuamente tutti i programmi in esecuzione, sembra che siano tutti in esecuzione contemporaneamente. Questa impostazione di pianificazione del processore controlla la durata di ciascuna di queste fasce orarie. Le porzioni di tempo più lunghe sono migliori per l'elaborazione in background, mentre le porzioni di timer più brevi possono rendere l'interfaccia utente più reattiva.

Ci si potrebbe chiedere quale sia la migliore per l'elaborazione audio; Non c'è una risposta corretta! Dipende interamente da cosa stai facendo, quindi uno potrebbe funzionare meglio dell'altro.

Fasce di tempo più lunghe potrebbero dare al tuo software audio più tempo per elaborare l'audio, ma possono anche tenere il processore legato ad altre attività e impedire l'elaborazione audio.

Probabilmente è meglio iniziare con la modalità "Servizi in background":

  1. Fai clic sul pulsante Start di Windows e digita "impostazioni di sistema avanzate" e premi Invio.
  2. Nella sezione "Pianificazione del processore" selezionare "Programmi" per intervalli di tempo più brevi o "Servizi in background" più a lungo.

Core Parking Core

Il core parking è una funzione specifica della CPU disponibile in alcuni processori moderni (ad esempio: processori Intel i7) in cui interi core della CPU verranno disabilitati per ridurre al minimo il consumo energetico. Questo è utile per la gestione dell'alimentazione, ma può influire sulle prestazioni audio in tempo reale perché c'è un piccolo ritardo durante l'annullamento del parcheggio che può portare a interruzioni se è necessaria tale potenza di elaborazione.

Per impostazione predefinita, Windows nasconde le impostazioni per il parcheggio principale, ma può essere mostrato con alcune modifiche al registro di sistema.

  1. Fare clic sul pulsante Start di Windows e digitare "regedit" e premere Invio per avviare il programma Editor del Registro di Windows
  2. Premi il tasto Home per spostare la selezione nel riquadro di sinistra in alto
  3. Premi Ctrl + F per visualizzare la finestra di dialogo Trova e cercare "dec35c318583" (senza virgolette)
  4. Una volta trovata, assicurati che la chiave trovata sia correlata alle impostazioni di risparmio energetico controllando la barra di stato - dovrebbe includere "Control \ Power \ PowerSettings". In caso contrario, ignoralo e ripeti dal passaggio 3.
  5. Fare doppio clic sull'impostazione "Attributo" nel riquadro di destra e modificare il valore su 0 (zero) come mostrato di seguito:
  6. Ripetere i passaggi 3-5 fino a quando tutte queste voci non sono state modificate (potrebbero essercene diverse). Per essere chiari: è necessario modificare solo i valori di "Attributo" nelle chiavi "0cc5b647-c1df-4637-891a-dec35c318583".
  7. Dopo aver apportato queste modifiche, verrà visualizzata una nuova opzione di impostazione in Opzioni risparmio energia che controllerà il parcheggio principale:
  8. Vai a Pannello di controllo -> Opzioni risparmio energia -> Modifica impostazioni piano -> Modifica impostazioni risparmio energia avanzate

Nella finestra Impostazioni avanzate passare a Gestione potenza processore -> Core min di parcheggio core delle prestazioni del processore. Il valore immesso per questa impostazione è la percentuale minima di core del processore che deve essere mantenuta in esecuzione (non parcheggiata). Impostalo al 100% per evitare che i core vengano parcheggiati.

Impostazioni del file di paging

Il file di paging è un file speciale che Window utilizza per l'archiviazione aggiuntiva quando la memoria fisica inizia a esaurirsi. Il file di paging viene anche definito "file di scambio" perché le pagine di memoria vengono scambiate tra di esso e la memoria fisica. Per impostazione predefinita, Windows è in genere configurato per gestire automaticamente le dimensioni del file di paging, tuttavia è consigliabile impostarlo su una dimensione fissa in modo che non debba essere ridimensionato durante l'esecuzione.

Per configurare il file di paging:

  1. Fai clic sul pulsante Start finestra
  2. Digita "impostazioni di sistema avanzate" e premi Invio
  3. Nel gruppo Prestazioni, fai clic sul pulsante "Impostazioni"
  4. Passa alla scheda "Avanzate"
  5. Nel gruppo Memoria virtuale, fai clic sul pulsante "Modifica"
  6. Disattiva "Gestisci automaticamente le dimensioni del file di paging per tutte le unità"
  7. Fare clic sulla prima unità nell'elenco
  8. Seleziona il pulsante di opzione "Dimensioni personalizzate"
  9. Immettere i valori di dimensione iniziale e massima desiderati (vedere di seguito)
  10. Ripetere i passaggi 7-9 per ciascuna delle altre unità.

È ora necessario considerare la dimensione del file di paging su ciascuna unità:

  • Metti sempre il file di paging sul disco rigido più veloce. Se si dispone di un'unità SSD, si desidera sicuramente inserire il file di scambio su tale unità.
  • In genere è necessario solo un file di paging su un'unità, tuttavia è possibile ottenere un aumento molto ridotto delle prestazioni utilizzando più unità.
  • Una linea guida per la dimensione totale di tutti i file di paging dovrebbe essere circa 1, 5 volte la quantità di RAM fisica nel tuo computer. Ad esempio: 4 GB di RAM fisica = 6 GB di file di paging.
  • Se disponi di molta RAM fisica (ad esempio:> 8 GB), di solito puoi cavartela con un file di paging più piccolo. Ad esempio: se si dispone di 32 GB di RAM non ha molto senso allocare 48 GB al file di paging (questa potrebbe essere una frazione considerevole di un'unità SSD).

Più dispositivi audio

Se si dispone di una scheda audio dedicata per le prestazioni audio, vale la pena disabilitare il dispositivo audio integrato o altre schede audio se non le si utilizza. I driver della scheda audio sono noti per causare problemi di latenza DPC.

Anche disabilitarli può anche semplificare la configurazione del software audio poiché verrà rimossa la possibilità di selezionare questi dispositivi.

  1. Fare clic sul pulsante Start di Windows, digitare "Gestione dispositivi" e premere Invio
  2. Espandi il gruppo denominato "Controller audio, video e giochi"
  3. Fare clic con il tasto destro su qualsiasi scheda audio non necessaria e selezionare "Disabilita" dal menu popup

LatencyMon

Esiste un ottimo strumento disponibile gratuitamente per controllare i problemi di latenza ISR e DPC chiamato LatencyMon . Questo strumento ti dirà se il tuo computer è ottimizzato per un audio di input / output ottimale e quali driver sul tuo computer stanno influenzando la tua latenza generale.

Dopo aver scaricato LatencyMon:

  1. Se stai utilizzando un dispositivo alimentato a batteria, assicurati di aver collegato l'alimentazione di rete
  2. Assicurarsi che le impostazioni di alimentazione siano configurate come durante la performance
  3. Chiudi tutti gli altri software in esecuzione
  4. Avvia LatencyMon
  5. Premere il pulsante verde "Riproduci" per avviare il test
  6. Lascialo funzionare per alcuni minuti
  7. Premere il pulsante rosso "stop" per interrompere il test

Se tutti i tempi riportati da LatencyMon sono inferiori alla quantità di headroom, probabilmente i DPC e gli ISR ​​non causeranno problemi. Se d'altra parte i tempi riportati sono più lunghi della headroom disponibile (o se sono più di circa 500 µs (0, 5 ms), probabilmente dovresti dare un'occhiata più da vicino. LatencyMon mostrerà quali driver hanno i tempi ISR ​​e DPC più lenti.

  1. Cerca un driver aggiornato. Se disponibile, aggiornalo ed esegui nuovamente il test.
  2. Se hai il driver più recente ed è per un dispositivo che sai di non aver bisogno durante l'esecuzione dal vivo, potresti semplicemente disabilitarlo in Gestione dispositivi di Windows ed eseguire nuovamente il test. (Non disinstallare mai un dispositivo e fare attenzione a non disabilitare i dispositivi necessari al sistema per un corretto funzionamento - vedere di seguito)
  3. Prova a cercare il nome del driver e i termini "DPC" o "ISR". Troverai spesso discussioni nel forum su determinati driver che sono problematici e talvolta una versione specifica (forse anche una versione precedente) è nota per funzionare in modo più affidabile.

Articoli Interessanti